Studio Alessandro Tonina | Professione consulenza imprese ed enti

Confidi Trentino Imprese sospende il pagamento delle rate dei mutui erogati ai soci fino a settembre 2020

17 Marzo 2020

Confidi Trentino Imprese Società Cooperativa, stante l’emergenza epidemiologica in corso, ha sospeso tutte le richieste di pagamento relative alle rate dei mutui diretti in regolare ammortamento erogati ai soci fino a settembre 2020. Infatti, la Società Cooperativa, risultante dall’aggregazione di Cooperativa Artigiana di Garanzia S.C. e Confidimpresa Trentino S.C., operanti nella Provincia Autonoma di Trento, sostiene le piccole e medie imprese locali ed in parte anche liberi professionisti, anche erogando finanziamenti direttamente, ovvero senza l’intermediazione di un istituto di credito.
Confidi Trentino Imprese ha assicurato che:
1. l’iniziativa non inciderà sul profilo di rischio del socio;
2. il piano di ammortamento che prevede la ripresa delle rate a fine settembre non incorporerà nessun onere aggiuntivo ad eccezione degli interessi ordinari maturati nel periodo di sospensione dei pagamenti;
3. è fatta salva la possibilità di rispettare il piano di ammortamento originario dandone comunicazione.
Inoltre, Confidi Trentino Imprese, unitamente ad alcuni Istituti di Credito ed il Fondo Strategico Trentino Alto Adige, stanno mettendo in campo una più ampia manovra creditizia che coinvolge tutti i settori economici che in sintesi prevede: la moratoria sui mutui di aziende e famiglie colpite dalla crisi da coronavirus; nuova liquidità a imprese e professionisti per circa 250 milioni di euro, tramite la concessione di linee di credito a interessi zero.

Da ultimo, a fornire ulteriore sostegno a imprese e partite IVA colpite dalla crisi da COVID-19, il decreto Cura Italia approvato ieri, 16.3.2020, dal Consiglio dei Ministri, sul fronte del credito bancario prevede:
– all’art. 53, per i titolari di partita IVA, la sospensione dei mutui prima casa, presentando apposita autocertificazione attestante la perdita, in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020, di oltre il 33% del proprio fatturato rispetto all’ultimo trimestre 2019;
– all’art. 55, la sospensione del rimborso dei prestiti accordati da banche o altri intermediari finanziari alle piccole e medie imprese ed alle microimprese fino al 30 settembre 2020, oltre alla non revocabilità fino al 30 settembre 2020 delle linee di credito accordate (sino a revoca) e dei finanziamenti accordati a fronte di anticipi su crediti.